Un posto al sole, la soap partenopea

Un posto al sole è una popolare soap opera partenopea che ha superato di recente le 4500 puntate. Nata nel 1996 con lo scopo di dare una nuova linfa produttiva agli Studi Rai di Napoli, dove vengono realizzate le riprese degli interni delle varie location simbolo della serie giunta ormai alla sua stagione numero 26, tanto da essere considerata la soap opera italiana più longeva di sempre.

Il merito di tale successo è da attribuire al forte intreccio narrativo che si avvale della presenza di numerosi temi d’attualità che rendono la serie un prodotto interessante sotto vari punti di vista.

A differenza delle classiche telenovele d’importazione sud-americana, Un Posto al sole si differenzia per essere una soap opera che racchiude in sé una serie di generi diversi che spaziano dal dramma alla commedia, nei quali sono inseriti diversi temi molto attuali e legati alla società contemporanea: la tossicodipendenza, l’alcolismo, l’omosessualità, l’incesto, la violenza sulle donne e in famiglia, la transessualità, i pirati della strada, l’integrazione religiosa, il maschilismo, ecc.

Sullo sfondo di queste tematiche vengono raccontate le contraddizioni della città di Napoli tra meraviglie e brutalità, il più delle volte legate ad episodi ispirati alla cronaca nera in cui si scontrano inevitabilmente le due facce della stessa medaglia: la gente onesta e lavoratrice e quella legata agli ambienti della malavita organizzata.

La trama principale prende vita nel famoso Palazzo Palladini nel quartiere aristocratico di Posillipo dove si intrecciano le storie dei protagonisti, le cui vicende personali e sentimentali hanno anche il sapore di lotta di classe tra i proprietari ufficiali del Palazzo e quelli secondari, come lo sono i coinquilini della Terrazza ereditata dalla figlia illegittima del signor Palladini, Anna che fin dalla prima puntata si scontrerà con La Contessa. Le ambientazioni esterne al Palazzo sono il Caffè Vulcano di proprietà di Silvia, il Centro d’Accoglienza dove lavora Giulia e Villa Marina, la residenza estiva della Giordano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *