Come eliminare il raffreddore

Il Raffreddore è patologia virale innocua per gran parte della popolazione mondiale. La sua incidenza tuttavia, è difficile da stimare. Si ipotizza che ogni anno milioni di persone ne siano colpite e che si verifichino, in ogni persona, episodi di reinfezione circa 2 o 3 volte all’anno.

Per questa sua grande distribuzione molte persone cercano rimedi per il raffreddore cercando rifugio sia nei farmaci che nei vecchi rimedi naturali.

Il Raffreddore ha diversi agenti eziologici, il più comune è il Rhinovirus. L’altissima variabilità di questo virus di cui si contano quasi 100 sierotipi, giustifica la difficoltà di trovare rimedi efficaci per il raffreddore. Spesso il sistema immunitario stesso non riesce a stare al passo con la selezione di nuovi ceppi virali, contro i quali si trova ad essere impreparato.

Rimedi per il raffreddore

I sintomi del raffreddore dipendono, più che dall’azione del virus che non sembra danneggiare particolarmente le cellule, dalla risposta immunitaria da esso indotta. Le proteine virali sono in grado di attivare numerosi geni che sono coinvolti nella risposta infiammatoria e che causano tutto il quadro sintomatologico che comprende: rinorrea, starnuti, tosse, lievi rialzi febbrili e malessere generale.

Il virus colpisce principalmente le vie aeree superiori, specialmente il rinofaringe. Questo è dovuto al fatto che il virus ha una azione ottimale a temperature più basse rispetto quelle che possiamo trovare nel “core” dell’organismo.

Proprio a causa della sua natura, i rimedi per il raffreddore efficaci non riescono a ridurre il tempo di infezione che ha bisogno di fare il suo corso. L’approccio più corretto e l’unico possibile è di tipo sintomatico.

Esistono una serie di rimedi naturali per il raffreddore e alcuni di questi sono davvero antichi. Basti pensare ai suffumigi che consistono nel coprirsi con un asciugamano e inspirare a pieni polmoni un vapore contenente essenze naturali. Un antenato della macchina per l’aerosol che è ancora oggi utilizzato per i suoi benefici come rimedio contro il raffreddore decongestionante e utile anche per l’asma.

Non manca la classica borsa dell’acqua calda, il miele, addirittura l’aglio e il limone vengono proposti come metodi contro questa fastidiosa condizione. Alcuni prodotti come creme balsamiche all’eucalipto e sali da bagno rientrano a pieno titolo nella lista dei rimedi che possono lenire i sintomi del raffreddore.

Nella maggior parte dei casi questi rimedi riescono ad alleviare i sintomi e non si richiede l’utilizzo dei farmaci da banco. Bisogna ricordare che un raffreddore ha una durata media che oscilla da 4 giorni a una settimana. Nei bambini alcuni lievi sintomi possono persistere per oltre 15 giorni.

La cosa importante è ricordare che se i sintomi, nel tempo, tendono a peggiorare, bisogna richiedere il consulto medico, soprattutto quando si tratta di anziani e bambini. Per queste particolari categorie di pazienti i rimedi per il raffreddore comunemente usati possono non essere adeguati.

Un coinvolgimento delle vie aeree inferiori può raggiungere il suo picco con l’insorgenza, rara fortunatamente, di polmoniti che rischiano di aggravarsi per una superinfezione batterica.

Questi episodi sono più comuni nei soggetti con un sistema immunitario debole: anziani, immunodepressi, bambini molto piccoli.

Alcuni farmaci da banco della classe dei FANS vengono utilizzati comunemente per la terapia sintomatica. Principi attivi prescritti più di frequente sono a base di ibuprofene e di altre molecole antinfiammatorie non steroidee. A questi si associano decongestionanti locali e si consiglia riposo e una alimentazione corretta che spesso si rivela una tra i rimedi più efficaci contro il raffreddore e delle patologie più comuni.

Ricorda di non somministrare mai farmaci a bambini senza il consulto medico perché il bambino non è un “piccolo adulto”, non è sufficiente ridurre le dosi per poter somministrare farmaci in sicurezza. Rivolgiti sempre al tuo medico di base e al tuo pediatra prima di iniziare una terapia farmacologica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *