Chat Anonime, un fenomeno destinato a scomparire?

Le chat anonime sono un fenomeno destinato davvero a scomparire? Oggi, gli esperti identificano questa fase di sviluppo storico del web e della crescita di utenza come strettamente legato alla crezione di un’identità precisa sul web.

chat

Nelle chat dei primi anni 2000, invece, chat come msn, iRC o icq, avevano portato nelle case degli italiani il fenomeno dell’instant messaging, anche se strettamente relegato al computer (gli smartphone e la mobilità sono fenomeni decisamente più recenti). Queste chat avevano la peculiartà di essere anonime, dunque non era possibile identificare fisicamente l’utilizzatore. Infatti, potevano volare insulti, immagini violente, tentativi di advances e molto altro ancora.

Al giorno d’oggi, le chat anonime più usate sono relegate all’esibizionismo: ChatRoulette e Chat BazooCam, ad esempio, consentono di condividere video live senza rivelare la vera identità. Dunque, sono ovviamente troppo spesso utilizzate per meri fini di ostentazione sessuale, per farsi vedere nudi, per divertirsi. Il web è, purtroppo, privo di effettiva regolamentazione per i minori, che possono utilizzare normalmente tali servizi per adulti semplicemente dichiarando di avere più di 18 anni.

Internet, oggi, viaggia invece, sulla creazione di un profilo autorevole, identificando più facilmente i fake: Facebook si collega a giri di amici per località ed interessi, conosce il nostro numero di telefono ed i contatti Whatsapp con i quali chattiamo; Google Plus, il social network di Google che non ha mai riscosso troppo successo, si collega a Gmail e Youtube verificando le persone alle quali siamo in qualche modo collegate. Il tutto, però, ha soltanto una vera motivazione: la profilazione degli utenti, effettuata esclusivamente per finalità commerciali e pubblicitarie.
Diventare anonimi sul web diventa oggi forse più difficile rispetto al passato. Ma esisteranno probabilmente sempre dei servizi che garantiscono la tutela del proprio obliom che deve rimanere, comunque, un diritto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *